02 Feb

Condominio colabrado: un mostro energivoro. La sfida digitale e non solo di Legambiente

Condomini colabrodo: il 17% degli edifici residenziali è in pessimo stato. La campagna di sensibilizzazione di Legambiente

 

 

Legambiente ha sviluppato la campagna Civico 5.0 per sensibilizzare cittadini, progettisti e amministrazione sul problema dei “condomini colabrodo”: la spesa energetica per famiglia/anno ammonta a quasi 2700€

 

Innovazione ambientale, efficientamento energetico in edilizia, condivisione e sharing economy, ma anche agevolazioni fiscali e vantaggi ambientali. Sono questi i temi al centro di Civico 5.0, un altro modo di vivere il condominio, la nuova campagna di studio e informazione di Legambiente pensata per sensibilizzare cittadini, amministrazioni e costruttori sull’importanza di un nuovo modello di vivere e progettare i Condomini e i suoi spazi, dando consigli utili e strumenti concreti per migliorare la qualità della vita dei palazzi condominiali, per capire come abbattere i costi in bolletta e dire basta alle case colabrodo. 
Sensibilizzare riportando i dati delle maggiori città italiane, con oltre 100 rilevazioni tramite la comoda web app – http://fonti-rinnovabili.it/civico/.


Nella Penisola l’82% degli edifici è stato costruito prima dell’entrata in vigore della normativa in materia di efficienza energetica. Alle case colabrodo, si affianca il problema dei costi che gravano sulle famiglie italiane: la spesa energetica è una voce rilevante per le famiglie, ed è pari a 2689 euro anno (521 euro per l’energia elettrica, 1.024 euro/anno per la produzione di acqua calda sanitaria, cucina e riscaldamento, 1.144 euro per la mobilità). Un costo che, invece, si può facilmente ridurre anche grazie agli incentivi (ecobonus e sismabonus) che consentono di detrarre le spese. 
Per questo Legambiente nel webapp di Civico 5.0 fornisce una serie di informazioni utili sui vantaggi dei nuovi incentivi (ecobonus per i condomini, conto termino 2.0 e sismabonus) e monitoraggi costanti delle varie città. 

“Sono oltre 20 milioni gli italiani  che vivono in condomini poco efficienti dal punto di vista energetico”. Per questa ragione il 17 aprile Legambiente lancerà la giornata  “Condomini Aperti” come spiega Katiuscia Eroe, responsabile energia di Legambiente, per sensibilizzare l’opinione pubblica, su un tema che coinvolge circa 1/3 della popolazione.  

Il condominio non può rappresentare un mostro energivoro, ma essere luogo di socialità e condivisione da dove ripartire, con un taglio netto delle spesa mensile che grava su ogni singola famiglia.  

 

#news #17aprile #legambiente #condomini #energivoro #spreco #italia  #evenia #latuaenergia